Home Dubai Vivere a Dubai COSA NON POSSONO FARE LE DONNE A DUBAI?

COSA NON POSSONO FARE LE DONNE A DUBAI?

Sei una donna, vuoi andare a Dubai ma non sai come comportarti?

Da sempre, si dice che il mondo arabo abbia regole di comportamento molto precise, soprattutto, se sei una lady.

Tuttavia, puoi stare tranquilla: ecco una guida che fa al caso tuo!

Buona lettura e… buon viaggio!

Le regole di comportamento a Dubai

Il comportamento nei Paesi di religione islamica viene regolato principalmente dalla Shari’ah o sharia che è, appunto, il complesso delle regole di vita. Infatti, essa consiste nella Legge di Dio, rivelata direttamente agli uomini e, in quanto tale incontestabile e assoluta.

Così, il fiqh, ossia la letteratura legale prodotta dalla scienza giurisprudenziale islamica è sempre mediata dalla religione.

Pertanto, anche a Dubai, le regole di comportamento sono principalmente rispettose del dettato religioso.

Per questo, soprattutto, le donne debbono limitare di esporre la loro femminilità in modo volgare o eccessivo, ma in generale è richiesto un atteggiamento adatto alla comunità e alla fede del Paese.

 

Le donne turiste a Dubai: come fanno

Quando le donne arrivano a Dubai da turiste e non vivono stabilmente nel territorio, possono stare tranquille.

Infatti le regole da rispettare sono poche e molto facili da ricordare.

In particolare, tutto si concentra attorno all’abbigliamento.

Infatti, le donne locali vestono, soprattutto, in maniera tradizionale con veli, abaya (la lunga tunica nera) e foulard che ne coprono il volto; le turiste, invece, sono libere di vestire secondo il loro gusto, senza temere di incorrere in rimproveri o sanzioni.

Pertanto, le donne straniere che arrivano a Dubai non sono obbligate a indossare burqua o veli per passeggiare tra le strade di Dubai, potendo scegliere fra gonne, pantaloni e magliette.

Ciò che viene richiesto dalle Autorità emiratine, infatti, è solamente che i vestiti non siano troppo aderenti, scollati, corti e, in generale, provocanti. Quindi, minigonne, top e pantaloncini cortissimi sono da evitare.

Tra l’altro, queste piccole accortezze, sono semplici da ricordare, poiché all’ingresso di tutti i centri commerciali vengono segnalati gli standard di abbigliamento tollerati a Dubai.

Un discorso a parte va fatto per la spiaggia: infatti, il topless è assolutamente vietato. Tuttavia, viene ammesso il bikini, purchè non troppo succinto e le classiche infradito.

Inoltre, l’accesso alle spiagge pubbliche è vietato il venerdì, giorno di preghiera per i musulmani.

Infine, nel periodo del Ramadan, è preferibile vestire in modo più morigerato del solito, in segno di rispetto.

 

Donne a Dubai: come vivono

Non è possibile generalizzare la figura della donna nel mondo arabo.

La convinzione tradizionale per cui la donna è considerata un essere inferiore all’uomo è un mito da sfatare immediatamente.

Un esempio lampante di ciò è che il numero di donne imprenditrici sta crescendo rapidamente e questo fattore sta contribuendo, peraltro, allo sviluppo economico del Paese.

Molte di queste donne lavorano in aziende familiari e sono incoraggiate a lavorare a istruirsi ad alti livelli.

Alcune donne negli EAU vantano portafogli da capogiro e, questo, sicuramente grazie alle grandi opportunità che vengono loro lasciate in ogni settore del mercato.

 

Le conquiste delle donne a Dubai

Il binomio donne e mondo arabo ha sempre fatto molto discutere.

Soprattutto, perché nella tradizione araba le donne hanno sempre ricoperto ruoli marginali.

Ma, come abbiamo visto, la situazione si è molto evoluta!

Se si immagina la figura della donna nel mondo arabo di oggi sia ancora quella della madre casalinga relegata ai margini della società, si sbaglia di grosso.

Infatti, il mondo arabo e, in particolare gli Emirati Arabi Uniti, hanno lasciato spazio alle donne in vari settori privati e pubblici.

A dimostrarlo sono le numerose cariche politiche che vengono affidate dal Governo Centrale a rappresentanti donne. Anzi (leggete bene!), gli Emirati Arabi Uniti hanno il più alto numero di parlamentari donne al mondo! A far scattare questo nuovo primato emiratino, è stata la Direttiva del Governo che pone il 50% di rappresentanza femminile nel Consiglio Nazionale Federale.

Questa volontà delle Autorità emiratine dimostra come gli sforzi del Paese per il progresso della parità dei sessi siano attuati a tutti i livelli, compreso quello diplomatico. Per saperne di più, leggi questo articolo!

Cosa non possono fare le donne a Dubai?

A parte la volgarità nel vestire o nell’atteggiamento in pubblico, il governo ha promosso per le donne un totale pareggio di trattamento agli uomini.

Di recente, infatti, è caduto anche il noto divieto di guida delle donne negli Emirati Arabi Uniti: così, il gentil sesso potrà anche accedere all’insegnamento della guida nelle scuole a ciò dedicate.

Oggigiorno, le donne possono godere di diritti e tutele al pari degli uomini: soprattutto, negli EAU e, in particolare, a Dubai, territori assai eclettici e multiculturali, è fondamentale aprirsi all’uguaglianza e alla tolleranza.

Pertanto, il punto di partenza non poteva che essere proprio la sistemazione della normativa interna per garantire una società variegata ma che può convivere in pace.

Pertanto, se sei una donna e vuoi trasferirti a Dubai, o se sei un uomo e vuoi spostarti a Dubai con la tua famiglia, non hai più motivo di aspettare!

Le opportunità sono tante e ti consiglio di farti un’idea leggendo qui!

ARTICOLO PRECEDENTEQUANTI ITALIANI VIVONO A DUBAI?
ARTICOLO SUCCESSIVOCOME GUADAGNARE ONLINE DIVENTANDO ASSISTENTE VIRTUALE